Donald Trump ha detto al Segretario del Tesoro di ‚Andare a caccia di Bitcoin‘.

Donald Trump ha detto al Segretario del Tesoro di ‚Andare a caccia di Bitcoin‘.

Secondo il nuovo libro di John Bolton „The Room Where It Happened“, Trump era contro Bitcoin molto prima della sua avventura su Twitter del luglio 2019.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha voluto togliere la sua apparente antipatia per la Bitcoin Era da Twitter e portarla a livello normativo, secondo l’ex consigliere per la sicurezza nazionale John Bolton.

Un articolo del 18 giugno su Forbes sul nuovo libro di Bolton, The Room Where It Happened, rivela che Bolton ha sentito Trump dire al Segretario del Tesoro Steven Mnuchin di „andare a caccia di Bitcoin“. La conversazione tra Trump e Mnuchin riguardava le sanzioni commerciali e le tariffe contro la Cina nel maggio 2018.

Non è la prima volta che Trump ha espresso un’antipatia per la crittovaluta. È andato su Twitter nel luglio 2019, in cui ha chiamato Bitcoin (BTC) „non soldi“ e „basato sul nulla“. Ha continuato attaccando il gettone Bilancia di Facebook come „poco in piedi e poco affidabile“.

Backup Trump

Il Segretario del Tesoro ha sostenuto la posizione di Trump nei media a seguito dei tweet del luglio 2019, affermando che la Casa Bianca stava „esaminando tutti i beni crittografati“ e successivamente sostenendo che BTC e altre valute crittografiche sono usate per il riciclaggio di denaro più spesso di quanto lo sia il denaro contante.

Nel febbraio di quest’anno, Mnuchin ha detto in un’udienza che avrebbe annunciato alcuni „nuovi requisiti significativi“ per le valute crittografiche con il Financial Crimes Enforcement Network, alludendo a una maggiore supervisione da parte del governo federale per prevenire il riciclaggio di denaro sporco.

Mercurial

Ma il mercuriale Trump ha anche preso alcune decisioni che potrebbero essere andate a beneficio della criptovaluta dopo la conversazione asserita da Bolton. Il Presidente degli Stati Uniti ha nominato Mick Mulvaney capo dello staff della Casa Bianca nell’ottobre 2018. Mulvaney è a favore di Bitcoin e ha definito BTC una valuta „non manipolabile da nessun governo“.